Global Scoutnet e GSO:

25 marzo 1998:

Ultimamente, c'e` stata un po' di confusione fra Global Scoutnet e GSO.

Non c'e` nulla di strano, purtroppo e` facile confondersi :-)

Cerchero` di fare un po' di chiarezza - se volete, potete considerare queste mie note degli "avvisi ai naviganti".

Negli anni '80, l'unica tecnologia telematica accessibile a chiunque avesse un Modem, senza bisogno di potenti agganci nel mondo della ricerca, era quella dei "BBS", o Bulletin Board Systems che dir si voglia. Un BBS e` un sistema telematico amatoriale, gestito da un tizio che per hobby lascia il computer acceso 24 ore su 24, collegato ad una linea telefonica usata solo per il modem. Chiunque chiama puo` accedere alle aree file per prendere ed inviare programmi, testi o immagini, e puo` anche accedere alle aree messaggi, per scrivervi e leggervi. Di solito, non c'e` bisogno di abbonamenti (a volte il gestore chiede un piccolo rimborso spese), ed inoltre c'e` un senso di "comunita`" abbastanza forte. Nella seconda meta` degli anni '80, iniziano a nascere le "reti" di BBS; piu` BBS che condividono le stesse aree messaggi, consentendo a persone di citta` (o nazioni!) diverse di corrispondere per via telematica, su vari temi. All'inizio degli anni '90, ve ne erano parecchie sullo scoutismo. C'era una rete di nome "Scoutnet" nata in Italia, ce ne era una simile nata fra Svizzera, Austria ed Olanda, c'era una rete di nome "Stay in Scouting Network" in Nord America, e cosi` via. Il WOSM (ed in particolare la regione Europa) stava iniziando ad intuire le potenzialita` della telematica, e a tal fine organizzo` nel Dicembre 1994 un seminario a Courriere, in Belgio. Il seminario si intitolava "Building the Global Village - new strategies for multi-cultural learning" Io partecipai al seminario (per conto del GSI e della Scoutnet italiana) ed ebbi modo di conoscere parecchie persone "importanti" nello scoutismo telematico. C'era Danny Schwendener, creatore del primo newsgroup sullo scoutismo (rec.scouting) e all'epoca gestore delle FAQ relative. C'era Lars Olleschik, gestore della mailing list scouting-europe. C'erano Daniel Saxer (dalla Svizzera) ed altri rappresentanti dell'altra rete di nome scoutnet (che fantasia che avevamo, all'epoca, eh?) Il seminario era diretto da Ray Saunders, Communications Executive della Regione Europa del WOSM. Erano presenti anche alcuni personaggi chiave del WOSM, come Dominique Benard (Direttore della Regione Europa del WOSM) e Mark Clayton (Direttore per le Pubbliche Relazioni e le Comunicazioni del Bureau mondiale del WOSM).

Chi e` interessato a saperne di piu` su quel seminario, puo` prelevare il file GLOBVILL.ZIP (23K) su qualsiasi BBS italiano della rete Global Scoutnet. Dovrebbe anche essere disponibile come ftp://ftp.metro.it/Scoutnet_Internazionale/globvill.zip.

Una delle cose piu` importanti del seminario fu che li` decidemmo di fondere le varie reti in una sola; il nome di questa rete, dopo un intenso brainstorm, fu "Global Scoutnet". Poco dopo, anche la rete nordamericana che citavo si uni` a noi.

Il primo "Global Coordinator" della rete fu Andrea Baitelli. Il suo mandato, molto breve, consistette soprattutto nell'organizzare le prime elezioni democratiche per il coordinamento di Global Scoutnet. Nel frattempo, si preoccupo` anche di registrare un dominio internet per la rete Scoutnet, e cioe` scoutnet.org Nel settembre 1995 Daniel Saxer venne eletto Global Coordinator. Sarei ipocrita se dicessi che i rapporti con lui sono sempre stati buoni. Io ed Andrea, da una parte, e lui ed altri fondatori dell'altra rete, avevamo idee abbastanza differenti sulla gestione della rete, in particolare per quanto riguardava la democrazia in essa. In ogni caso, ad un certo punto Daniel Saxer decise di registrare un altro dominio, scout.net, sul quale avrebbe avuto pieno controllo (al contrario di scoutnet.org, dove Andrea consentiva solo le modifiche accettate dal Consiglio dei Coordinatori Nazionali di Global Scoutnet). Inoltre, inizio` ad abbandonare quasi del tutto la gestione di Global Scoutnet, per quanto riguardava il lato BBS, concentrandosi solo su www.scout.net. Addirittura, per oltre un anno non ha pubblicato la "nodelist", un file chiave nella gestione di una rete di BBS. Al contrario, qui in Italia l'integrazione fra la tecnologia del BBS e quella di Scoutnet stava mostrando tutti i suoi frutti. Un'esperienza simile aveva luogo in Germania. Non e` una coincidenza se, mentre il numero di BBS della rete in Italia ed in Germania cresceva, in Svizzera ed altrove declinava. Nel Giugno del 1997, Daniel Saxer propose una grossa modifica nella struttura di Global Scoutnet, che sarebbe dovuta diventare una "Global Scoutnet Organization", totalmente sotto il controllo del Global Coordinator (lui) il quale avrebbe anche avuto il potere di scegliere gli elettori che lo avrebbero potuto rieleggere. Fra le altre storture della nuova "Organizzazione" erano l'insistenza sull'aspetto finanze, la segretezza circondante la sua fondazione (avvenuta in un incontro pochissimo pubblicizzato), e cosi` via. Ovviamente, quasi tutti i coordinatori nazionali votarono contro questa proposta; addirittura, gli altri membri svizzeri della rete lo contestarono, e in seguito lo rimossero dall'incarico di coordinatore nazionale svizzero. Nonostante questo, Daniel Saer ando` avanti, e fondo` lo stesso una sua organizzazione, che pubblicizzo` col nome di nome GSO In ogni caso, questa fu la goccia che fece traboccare il vaso. Il Coordinamento dei Coordinatori Nazionali di Global Scoutnet lo dichiaro` decaduto (Daniel Saxer avrebbe dovuto indire nuove elezioni per il proprio incarico gia` nel settembre '96, ma si era guardato bene dal farlo), ed avvio` le elezioni per un nuovo Global Coordinator. Poiche`, nel frattempo, avevo provveduto a riallacciare la maggior parte dei link perduti per via della malgestione di Daniel Saxer, sono stato eletto io come Global Coordinator, in dicembre.

Ad oggi, dunque, Global Scoutnet e` l'unica rete telematica scout a fare uso di Internet e di reti di BBS; questo ci consente di raggiungere la massima "audience" possibile. Offriamo conferenze telematiche accessibili sia come mailing list o newsgroup via Internet che come echomail dai vari BBS della rete. Gestiamo un gateway che consente di scambiare Email anche con chi non e` su Internet. Inoltre, gestiamo delle aree file accessibili sia via BBS che via Internet.

Non abbiamo, e lo vorrei ripetere, alcuna relazione con "GSO". In pratica, tutto cio` che e` collegato al dominio scout.net e` roba del GSO, e NON ha nulla a che vedere con Global Scoutnet. Percio` e` inutile chiedere a me, a Sergio Strampelli, o a chiunque dei coordinatori Global Scoutnet aiuto sugli indirizzi @scout.net, oppure sui domini di terzo livello sotto scout.net

Inoltre, son so se Daniel Saxer sia ancora membro di alcuna associazione scout, anzi e` in rotta con il Movimento Scout Svizzero, che tempo addietro ci chiese di evitare ogni link ai siti scout.ch e pfadi.ch, fintanto che fossero gestiti da lui. Attualmente, quei siti sono gestiti da Global Scoutnet Svizzera, di cui lui non fa piu` parte. Infine, si e` appropriato del dominio del WOSM e di quello del WAGGGS, anche se pare che li abbia restituiti.

Per queste ragioni, la rete Global Scoutnet vuole ribadire di NON aver nulla a che fare con Daniel Saxer o la sua "organizzazione", ne` vuole essere confusa con essa. Il nome corretto della nostra rete e` "Global Scoutnet", senza altri sostantivi quali "Organization".

Diceva Baden-Powell: "Inizialmente ebbi un'Idea. Poi vidi un'Ideale. Adesso abbiamo un Movimento, e se alcuni di voi non stanno attenti presto ci rimarra` solo un'Organizzazione."

Ultimamente, c' stata un po' di confusione fra Global Scoutnet e GSO.

Gino Lucrezi
Global Coordinator di Global Scoutnet